Vieni e Seguimi
Ultimo numero:
Anno: VIII: 2012/2013
Numero: 36
del 23-03-2013
Visualizza articoli
Archivio giornalini
    Gruppi

Catechisti
Consiglio Pastorale
Coro e Musicisti
Decor Ecclesiae
Giovani
Giovanissimi
Gruppo famiglie
Ministranti
O.F.S.
Schola Cantorum
Scout FSE
Servizio Segreteria
Vincenziane

  Area corrente

Documenti
Notizie

    Cerca nel sito...


...e nel Compendio del Catechismo!
  Liturgia

    Login
Nome utente:

Password:

 

Notizia

Padre Fabrizio Ciampicali

Gruppo: Generale

Nella notte del 7 febbraio 2019 è morto Padre Fabrizio Ciampicali

parroco di San Sisto e Cappellano degli Alpini.

Nella notte è morto presso l’Ospedale San Salvatore dell’Aquila il Parroco di San Sisto, Padre Fabrizio Ciampicali. Padre Fabrizio era anche Cappellano del IX Reggimento Alpini dell’Aquila e Amministratore Parrocchiale della Parrocchia di Santa Barbara in L’Aquila. I funerali di Padre Fabrizio saranno celebrati domani dal Cardinale Arcivescovo alle ore 10,30 nella parrocchia di San Sisto. Dopo, la cara salma partirà per Ladispoli dove, prima della tumulazione, sarà salutata dai suoi cari. Nato a Roma il 17 aprile 1959 da Claudio e Augusta Rosati, dopo il Diploma magistrale è entrato nell’Ordine ricevendo il saio francescano a Fontecolombo il 23 settembre 1977 dal Ministro provinciale p. Ludovico Marcelletti e il 17 settembre dell’anno seguente ha fatto la prima Professione religiosa; quella solenne il 14 marzo 1982 nella chiesa di S. Bonaventura a Frascati nelle mani del Ministro generale p. John Vaughn; è stato ordinato Diacono il 19 settembre 1982 nella Cattedrale di Frascati da Mons. Luigi Liverzani, Terziario francescano, che lo ha ordinato anche Presbitero il 17 settembre dell’anno successivo. Al termine del Ciclo Istituzionale presso l’Antonianum di Roma ha proseguito gli studi alla Gregoriana e ha conseguito il grado di Licenza in Sociologia con la tesi “L’Ordine dei Frati Minori e i temi della giustizia, pace e salvaguardia del creato: pensiero e azione dal dopo Concilio ad oggi”; ha completato poi il Dottorato presso l’Università Pontificia S. Tommaso d’Aquino. Dopo gli anni della formazione iniziale, trascorsi all’Aracoeli (1978-1981) e a Frascati (1981-1983), p. Fabrizio è al Villaggio S. Francesco ad Acilia come Vicario parrocchiale e studente, poi a Nettuno dal 1987 al 1989 come Guardiano ed Economo; nel giugno di quell’anno chiede ed ottiene di fare una esperienza di servizio presso una comunità terapeutica per tossicodipendenti ed è di casa al Seminario vescovile di Albano Laziale, dove fa le funzioni di Segretario al Vescovo don Dante Bernini. Nell’agosto del 1993 è a S. Leonardo da Portomaurizio ad Acilia come Guardiano e Parroco, fino al 1999; in quell’anno parte per un servizio pastorale in Romania presso una Casa famiglia della Diocesi di Bucarest, dove rimane fino al 2005, quando è nominato Guardiano, Economo e Vicario parrocchiale a Latina, nella chiesa dell’Immacolata. Nel maggio del 2007 riceve anche l’ufficio di Assistente nazionale dell’Ordine Francescano Secolare e di Presidente della Conferenza degli Assistenti nazionali OFS. Dal 2008 al 2011 è Guardiano nella parrocchia di S. Gregorio VII a Roma; nel settembre 2011 a Ponticelli, come Delegato di questa Casa filiale e infine nel 2014, fino ad oggi, a S. Giuliano all’Aquila, con l’incarico di Parroco nella parrocchia di S. Sisto, S. Barbara e cappellano del 9° Alpini. “Di p. Fabrizio mi piace ricordare – ha dichiarato il ministro Provinciale fr. Luigi Recchia – in particolare la sana inquietudine, che lo spingeva ad interrogarsi sempre su come sempre meglio corrispondere al dono della vocazione francescana e sacerdotale; questa sua caratteristica si univa ad un fine umorismo, che lo aiutava a sdrammatizzare le situazioni difficili e a dare serenità agli altri; dotato di talento e sensibilità per la musica, ha spesso animato la preghiera dei confratelli e delle comunità, aiutandoli a coltivare il gusto per la buona tradizione liturgica…Desidero ringraziare con voi il Signore della Vita e a Lui restituirlo, con il dolore per la separazione, ma anche con la certa speranza che ci ritroveremo di nuovo nel Giorno senza tramonto”.

 

08-02-2019



Indietro
 

Questa notizia/iniziativa pastorale è stata letta 63 volte