Vieni e Seguimi
Ultimo numero:
Anno: VIII: 2012/2013
Numero: 36
del 23-03-2013
Visualizza articoli
Archivio giornalini
    Gruppi

Catechisti
Consiglio Pastorale
Coro e Musicisti
Decor Ecclesiae
Giovani
Giovanissimi
Gruppo famiglie
Ministranti
O.F.S.
Schola Cantorum
Scout FSE
Servizio Segreteria
Vincenziane

  Area corrente

Documenti
Notizie

    Cerca nel sito...


...e nel Compendio del Catechismo!
  Liturgia

    Login
Nome utente:

Password:

 

Articolo di giornalino

“Gloria a Dio nel più alto dei cieli”…
Autore/i:
Padre Candido Bafile

…”e sulla terra pace agli uomini che egli ama” (Lc 2,14)

Con queste parole venne annunciata la nascita di Gesù agli umili pastori di Betlemme, i primi destinatari della “Buona Notizia”. Anche per noi pellegrini del ventunesimo secolo risuona questo annunzio ricco di bontà e pieno di speranza. È la bontà di Dio che viene incontro alla povertà dell'uomo. All’uomo rimane solo dare la propria disponibilità ad accogliere la “Bontà di Dio”. Purtroppo, però, il Natale, che negli uomini si è trasformato in festa consumistica, rischia di appesantire ulteriormente l'attuale condizione psicologica e morale delle persone e delle famiglie, che si sentono lacerate e divise tra i richiami al consumismo e la precarietà della realtà in cui si vive. Che fare? Quale messaggio potrà essere tanto forte da raggiungere le coscienze, sostenere moralmente e tenere lontano il rischio di ulteriori lacerazioni? Natale è la festa della relazione di Dio con l'umanità: nella pienezza della storia Dio ha posto la sua dimora tra le nostre case ed ha avviato un dialogo personale con ogni essere umano chiamato a vivere sulla faccia della terra. Lo ha fatto non nella maestosità della sua potenza, ma nella semplicità ed ordinarietà della condizione umana. E così l'uomo può scoprire e sperimentare la gioia di essere familiare di Dio, ed in più sentirsi infinitamente amato. L'incarnazione del Figlio di Dio è la dimostrazione più evidente di quanto Dio ami l'uomo dal quale si aspetta una riforma di amore che consiste soprattutto nell'osservanza dei suoi comandamenti e nel rispetto, nell'accettazione e nell'amore per l'altro. Il Natale del Signore possa essere per tutti i singoli, in sintonia con l'annuncio degli angeli, apportatore di riconciliazione e di pace con Dio e con i fratelli. Buon Natale.

 

Il Parroco

Padre Candido Bafile

 


22-12-2012

Scarica il giornalino con l'articolo

Visualizza tutti gli articoli
 

Questo articolo è stato letto 1176 volte